• Argomenti Attivi 

[D&D] Oggetti magici

Sezione dedicata esclusivamente al Gioco di Ruolo da tavolo, manuali, espansioni, miniature e cosi' via.
Rispondi
Avatar utente
Asgurgolas
Guerriero del Forum
Guerriero del Forum
Messaggi: 224
Iscritto il: venerdì 8 luglio 2016, 21:19
Monete in mano: Bloccati
Località: Roma
E' stato ringraziato: 1 volta
Stato: Non connesso

[D&D] Oggetti magici

#1

Messaggio da Asgurgolas » domenica 16 aprile 2017, 6:55

Mi son svegliato presto (troppo presto, gh) e mi sono detto "postiamo qualche minchiata!". Mi dedico come master ad una campagna di D&D 3.5, ed elaborando un po' di tesori per un'avventura, ho creato "casualmente" (all'inizio, poi ci ho preso gusto e l'ho approfondita un po'), un'arma


Immagine

A vederla (e identificarla) è una normale spada bastarda +2, bella a vedersi e che odora lievemente di strano (tra birra e whiskey)

Il primo colpo critico portato a segno contro una creatura vivente, l'arma si "risveglia" urlando "SANGUE E BIRRA!"

Cervogia (questo il nome dell'arma) è effettivamente una spada bastarda +2, vampirica ed aura energetica. Infligge 1d10 danni, +1d6 (questo d6 di danno extra viene contemporaneamente guarito al possessore se colpisce una creatura vivente), ed al comando "BRUCIA IL BASTARDO!" può avviare un potenziamento Fiammeggiante (+1d6 da fuoco), con "FRIGGI IL BASTARDO!" il danno extra diventa da elettricità, "CORRODI IL BASTARDO!" per acido, "GHIACCIA IL BASTARDO!" per il freddo.
L'arma è intelligente (int 14,sag 14, car 10, con un Ego di 12), caotica neutrale e vive per due sole cose: Sangue e birra.
E' in grado di parlare (solitamente in nanico, ma volendo conosce anche comune ed elfico), vedere e sentire nel raggio di 36 metri.
Ha anche 10 gradi in Conoscenze: Dungeoneering e Conoscenze: ingegneria e architettura.

Quest'arma però non viene senza fregature (è pur sempre un aggeggino che vale 89,000 monete d'oro!)
Prima di tutto, nel momento in cui viene sfoderata (e strilla "sangue e birra!" inizia a brillare come una torcia, dando alla lama un effetto che ricorda molto le bollicine della birra.
Di per sé può essere utile per guardare in giro, ma rende difficile nascondersi
Secondo poi, non può essere riposta (o anche solo cambiata con un'altra arma o lasciata cadere) se prima non viene bagnata bene di sangue (esige che sia inferto almeno un colpo critico, non importa contro chi, purché sia una creatura vivente).
Terzo poi, una volta a settimana ESIGE un bagnetto nella birra o in qualche altro forte liquore, altrimenti smette di funzionare per ripicca.

Durante le battaglie non perde occasione di cantare cori da osteria nanica, e criticare chi la impugna (ed i suoi alleati) sul metodo di combattimento. Sferrare attacchi particolarmente spettacolari la zittisce per un po'.

Ci sono tre cose che detesta: La pace, la birra annacquata, e gli orchi. Trattandosi di un'arma, "vive" letteralmente per il conflitto e la battaglia, e l'idea di rimanere ferma a prender polvere la fa incazzare a morte (ogni volta che il personaggio si prende un periodo di pausa dalle avventure, Cervogia rompe i coglioni come una suocera incattivita). Se il suo "bagno alcoolico" è ritenuto insufficiente, Cervogia cercherà in tutti i modi di vendicarsi sul personaggio o (a seconda dei casi) su chi gli ha venduto la birra. E per gli orchi non è un "odio intrinseco", semplicemente le piace il conflitto e (probabilmente per le origini naniche) ritiene gli orchi un'ottima valvola di sfogo: fanno sempre casino, stanno sempre a rompere il cazzo, si riproducono quasi come i goblin (ma sono più valorosi in battaglia) quindi se anche ne stermina qualche centinaio, nessuno ne sentirà la mancanza.





Sì, ho una mente MALATA a generare ste cose :°D


Rispondi

Torna a “Giochi di Ruolo da Tavolo”