• Argomenti Attivi 

EpicTable - Intervistiamo John Lammers

Tutto il panorama del mondo VTT! Quindi non solo Fantasy Grounds, ma Roll20, D20Pro, Skirmish! VT, EpicTable, iTabletop, MapTool, OpenRPG, il famoso Tabletop Simulator e tutti gli altri!
Rispondi
Avatar utente
Manuel Marino
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 315
Iscritto il: mercoledì 6 luglio 2016, 16:45
Monete in mano: Bloccati
Località: Italia
Ha ringraziato: 4 volte
E' stato ringraziato: 4 volte
Contatta:
Stato: Non connesso

EpicTable - Intervistiamo John Lammers

#1

Messaggio da Manuel Marino » domenica 6 agosto 2017, 19:30

Oggi Intervistiamo John Lammers, il creatore di EpicTable un VTT notevole e dalle grandi potenzialità. ENGLISH TRANSLATION

John ha gentilmente offerto alla community un codice sconto speciale! VTTITALIA per avere 10% di sconto!

MM - Ciao John, e Benvenuto! La prima cosa che mi ha attirato di EpicTable è lo stile, design ed i colori. Molto piacevoli ed attraenti. Come mai hai scelto questo specifico stile?

JL - Ciao Manuel, grazie! Onestamente apprezzo l'opportunità di parlare con te e la tua community! In parte lo stile è preso da Windows. Ho voluto una applicazione standard per Windows in modo che il tool potesse in qualche modo "scomparire" e lasciarti giocare tranquillamente. Sono stato abituato ad alcuni VTT con alcuni comandi e interazioni non standard e non lo volevo.

Per quanto riguarda i colori e altre cose riguardanti il design... lavoro con un graphic designer. Io sono colorblind, e lui mi aiuta dal fare scelte assurde-- credetemi, all'inizio c'erano cose assurde. Gradienti esagerati :-) e mi ha insegnato a limitarmi.

MM - L'altra cosa che mi ha attirato è la licenza speciale "kitchen table " (tavolo da cucina). Puoi spiegarci?

JL - Certo. Con qualunque VTT, parte della sfida è portare le persone a provare qualcosa di nuovo, come parte del loro modo di giocare abitualmente. Normalmente, è il GM che inizia qualunque situazione, in termini di uso della tecnologia. Sono quelli che investono di più nel gioco. Se devono convincere tutti i loro player a comprare qualcosa, questo è già un limite.

Quindi, alcuni GM finiscono per comprare per l'intero gruppo, e questo è un altro limite. Per essere group-friendly, ho inventato la licenza "kitchen table". Significa che EpicTable prende il posto del tavolo dove normalmente si gioca di persona. Tu possiedi il tavolo, e la persona che te lo ha venduto non ti dice chi può essere al tuo tavolo o farti pagare un extra quando i tuoi amici giocano con te.

In questo modo tu possiedi EpicTable, e non devi convincere i tuoi amici a comprare niente o comprare licenze dei player. E' semplicemente group-friendly.

MM - Spettacolare! Semplicemente spettacolare. Allora la terza domanda riguarda i ruleset. Ne supporti di specifici? Leggevo anche che con EpicTable puoi letteralmente giocare qualunque cosa.

JL - Grazie Manuel! Dipende dalla prospettiva, cosa vuoi che il VTT faccia per te. Non voglio che il mio VTT sia anche il GM. Quando ho iniziato EpicTable, ho pensato che fosse importante automatizzare le regole del gioco. Ma più ci lavoravo, più mi rendevo conto che rappresentava un limite. Portava le persone a stare entro certi confini di quelli che il tool permetteva di fare. Grandioso se stai cercando di vendere degli add-on, ma per la stessa community rischia di eliminare quelle differenze fondamentali (e desiderabili) che devono esserci fra i tabletops games ed i giochi di ruolo per computer.

Quindi ho seguito un'altra direzione.. semplicemente tiri di dadi, veramente-- per permettere al GM di gestire il resto. Come farebbe in una partita di persona dal vivo. Un esempio chiave di questo è come ho gestito la fog of war. Ho iniziato a provare a implementare la miglior fog of war che potesse esistere, basata sulla visuale. L'ho chiamata TrueVision ed ero veramente entusiasta di questa cosa. La demo funzionava bene. Ma... aveva bisogno di molto setup.

Questo potevi capirlo quando c'erano specifici oggetti (tipo pareti, etc etc) che bloccavano la luce e se i players facevano qualcosa pe rinvalidarlo, ad esempio un foro nella parete o lanciando un incantesimo per vedere attraverso la parete. Non c'era modo per reagire a questo.

Quindi, sono andato su un modello che usa quello che chiamo "le zone". Questi sono oggetti o regioni che puoi segnare e muovere o cambiare, nascondere o rivelare per ogni regione.

E' così veloce come funziona il tutto che puoi interagire sulla mappa mentre i players si stanno chiedendo chi dovrebbe ad esempio ascoltare avvicinandosi alla porta.

MM - Ultima domanda, riguarda il sistema di disegno. Una cosa che alcuni VTT dimenticano di potenziare, e invece mi sembra molto avanzato nel tuo VTT.

JL - Non posso parlare per gli altri VTT, ma per me e posso dirti che è in linea con la filosofia di EpicTable. La filosofia cioè di darti a disposizione proprio il tavolo da gioco. In un gioco di persona, puoi disegnare su una superficie lavabile e cancellabile. Ho voluto creare la stessa sensazione. Infatti, se hai un touchscreen, è letteralmente la stessa sensazione.

MM - Molte grazie a John per il suo tempo dedicato alla nostra Community. Congratulazioni per questo impressionante VTT che hai creato!

JL - Ed io ho apprezzato molto l'opportunità ed auguro a te ed alla community tutto il meglio!


Avatar utente
Manuel Marino
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 315
Iscritto il: mercoledì 6 luglio 2016, 16:45
Monete in mano: Bloccati
Località: Italia
Ha ringraziato: 4 volte
E' stato ringraziato: 4 volte
Contatta:
Stato: Non connesso

#2

Messaggio da Manuel Marino » domenica 20 agosto 2017, 9:49

Dimenticavo di dirvi che lo sconto non dura per sempre ma solo fino alla fine del 2017, quindi se siete interessati meglio approfittarne ora.

Avatar utente
Louis77
Esperto del Forum
Esperto del Forum
Messaggi: 198
Iscritto il: lunedì 21 agosto 2017, 15:30
Monete in mano: Bloccati
Banca: Bloccati
Stato: Non connesso

#3

Messaggio da Louis77 » giovedì 19 aprile 2018, 21:30

Questo VTT mi piace... o quantomeno mi piace la sua presentazione.
Sento un po' il rischio di fare un passo indietro quando dice che l'automatizzazione di alcuni calcoli è un deterrente al farlo sentire un vero "tavolo da gioco senza limiti autoimposti": mi sembra quasi una scusa al fatto che il programma non fa quello che altri sono nativamente portati a fare.
Pensiamo ad esempio ad un gioco pesantemente tabellare, dove il tiro per colpire incrocia la classe armatura e restituisce il danno effettuato: si può avere la tabella sottomano e indicare ai giocatori quanti danni subire o hanno inflitto, oppure avere nel gioco la cross reference già illuminata e con un click o un trascinamento applicarla alle schede personaggio (come succede in FG).

Rispondi

Torna a “Virtual Tabletop”